CICOGNE

01-04 settembre 2016

SINCRONIZZATE

Un’ora segnata dal destino batte nel cielo della nostra Patria. L’ora delle decisioni irrevocabili…

sex


DIN-DON: IL SUONO DELL’OROLOGIO BIOLOGICO…

Ragazze pon pon $_57

THE PERFECT TESTIMONIAL: “TICK  TOCK ,TICK TOCK…”

Fertility-Day-1

O perderai lo splendido set di pentole acciaio inox 18/10, e la magnifica mountain-bike 9 marce con cambio Shimano.
– mv –

 

 

———————————————————————————————————

Valerio Pellegrini

3 settembre alle ore 9:55 ·

Focus su questa disfunzione sociale chiamata “figlio unico” #fertilityday

Figlio unico 14212074_10155175150867542_5183444622349677629_n

E, seppur egli arrivi, è talmente ‘na chiavica che sei costretta a cazziarlo anche dal cielo come in “Oedipus Wrecks / Edipo Relitto” (ovvero l’episodio alleniano del trittico “New York Stories”, 1989).

– mv –

Jovanotti 14212054_1282671965111213_7657438937181261051_n
L’esatto contrario che nel terzo esterno delle tube uterine: lì, più che mai, il secondo è il primo dei perdenti.

(Secondo me Jovanotti, se mai abbia fumato, deve aver smesso molto presto: per la reazione degli amici quando chiedeva in prestito una siga).

– mv –

———————————————————————————————————

Un colpo al cerchio delle Unioni Gay
ed un altro alla botte del Fertility Day…

C’è una ben determinata categoria di persone che, secondo quel detto ormai proverbiale, non ha alcun bisogno di uno specifico Fertility Day.

F-DAY
Se non siete Connor o Duncan MacLeod, VOI POTETE avere figli; e ne avete bisogno, per assicurarvi una sorta di immortalità materiale.

“La guerra si addice all’uomo come la maternità si addice alla donna”.
Be’, se non altro, un progresso c’è stato: siamo diventati pacifisti.

Quando la Patria chiama, il cittadino in età matura ha il dovere di rispondere e di garantire il suo fattivo contributo alla sforzo pelvico.

Renzi ha disinvoltamente scaricato la Lorenzin come Amanda Waller era risoluta a fare, in caso d’insuccesso, con Harley Quinn e tutta la SS.

———————————————————————————————————

E, siccome “la cinematografia è l’arma più potente”, ecco qualche mio spunto per l’iniziativa lanciata dall’amico di cui sopra, Valerio Pellegrini:

– “NASCITE DI UNA NAZIONE” (“BIRTHS OF A NATION”)

– “L’ALTRA MÈTA DEL CIELO”
http://www.filmtv.it/film/8216/l-altra-meta-del-cielo/

– Da “Giovani, carini e disoccupati”, e nonostante ciò, a “GIOVANI, CARINI E DISINIBITI”; ovvero, in originale, da “Reality Bites” a “LOVE BITES”.
Colonna sonora, naturalmente, dei Def Leppard:

– E per chiudere in bellezza come si era aperto, stavolta senza necessità di frasi posticce, ecco il contributo all’F-Day del maestro Sir Alfred Hitchcock (“Oh, Roger: ciò è ridicolo…” / “Sì, ma sono un sentimentale”).

———————————————————————————————————

Un brillante caso (presumo non isolato) di “eterogenesi dei fini”
(MV):

John Vincent

1 settembre alle ore 16:30 ·  Twitter

A me la ministra ha convinto, mi devo proprio affrettare a fare quella vasectomia.

———————————————————————————————————

AVVOLTOI

02-06 settembre 2016

“Je suis Charlie” era e resta, laicamente, sacrosanto.
Ma per quell’immonda schizzata di attualità, e chi se n’è reso responsabile, cade più che mai a proposito l’insulto di Nino Manfredi in «Stràziami ma di baci sàziami» (Dino Risi, 1968):
– “Io sono te e tu sei me”…?! SE IO SAREI TE, MI FACESSI SCHIFO!

Credo insomma che si sarebbe potuta stigmatizzare la corruzione in cento altri modi, facendo satira anziché scempio.
Però forse, come per le “pommes de terre”, anche la parte migliore di Charlie Hebdo – purtroppo – è sottoterra.

Cosa pensano, che qui non saremmo stati capaci di fare uno scara(bo)cchio sulla Promenade des Anglais, 14 luglio u.s., e mettere la didascalia “Liberté, Égalité, Sécurité”…? Ma per noialtri, guardate un po’ (magari con qualche eccezione), la pietas verso 85 esseri umani – dieci bambini – viene prima del vacuo e gretto sensazionalismo acchiappalettori.

Meritano lo stesso disprezzo dell’individuo (ben presto emulato) che si munì di un cacciavite e prese il primo treno utile per quelle terre sconvolte, dove perpetrare razzìe dei beni rimasti fra le macerie.

———————————————————————————————————

“Liberté, Égalité, Fraternité”.
Soprattutto quest’ultima; specialmente verso noi popolo cisalpino; e in particolare delle zone appenniniche.

Charlie Hebdo fa di tutto per dare ragione al misogallismo di Schopenhauer: “Gli altri Continenti hanno le scimmie, l’Europa ha i francesi”.

Operazione umanitaria “alla francese”: rendere la Libia una polveriera, così provocando l’invasione, per scippare all’Italia il suo petrolio.

Charlie Hebdo: dieci piani di ruvidezza.
(Mi adeguo alla loro oscenità ma, avendo altra sensibilità, non mi riferisco ai palazzi crollati).

Ora non vogliamo impedire a Charlie Hebdo di grufolare nella merda: lo faccia senza remore.
Ma anche noi siamo liberi di esprimere ribrezzo.

La mafia, che è indiscutibilmente la quintessenza del male, possiede (o almeno possedeva) qualcosa in più di Charlie: un suo codice d’onore.

Sui social media, avevamo appena cominciato con il Fertility Day e ci troviamo già alle prese con l’ennesimo, ributtante, Day of the Jackal.

Se minimizzi l’Olocausto, è un crimine.
Se sghignazzi sulle vittime di un terremoto, è libertà di satira e guai a chi biasima tale scempio.

Per gli sciacalli è già Fertility Day: la “satiriasi”, o il priapismo, di quelli a cui viene duro quando vi sia un’ecatombe di esseri umani.

Non essendo Papa, io non darei mai un pugno alla libertà di satira.
Ma il terzo dito, che non è quello sul grilletto, chi glielo può negare?

ALICIA giphy

Alicia Silverstone nel music video di «Cryin’», Aerosmith (1993)

———————————————————————————————————

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/premier-pinocchio-1302444.html
(Nonostante le apparenze, il link qui sopra connduce ad un “corsivo” di Camillo Langone sul caso dell vignetta infame).

Giustissimo. Nessuno vuole attuare censure, men che mai rivalse fisiche (Dio ce ne scampi, malgrado lo storico “pugno” del suo più alto rappresentante). Si sono già uccisi da soli, moralmente, abdicando alla propria umanità: sono zombi e non lo sanno. L’unica moneta con cui siffatta – eppur sacra – libera espressione meriterebbe di esser ripagata, così frustrandone la stomachevole e penosa venalità, è il nostro altrettanto libero oblìo di esseri ancora umani.

———————————————————————————————————

L’Arte è anche “selfie”.
http://www.liberoquotidiano.it/news/sfoglio/11960561/vauro-vignetta-virginia-raggi-fa-verso-charlie-hebdo.html#.V87fKSr8nTs.twitter

Le nuove scosse telluriche avranno provocato fremiti orgasmici, chez Charlie: un colpo di culo, per il nuovo numero.

AVVOLTOI 324f834d6f4b5458c7424f299e116c4d———————————————————————————————————

PAVONI (ed esuli pensieri)

02-07 settembre 2016

Se negli anni ’80 avevate amato il film comico «7 chili in 7 giorni», oggi adorerete il molto più comico “30 slide in 30 mesi” (ipse dixit).

Presumo che oggi sia vietato l’uso del termine “zingarata”.
Ma, in compenso, la “supercàzzola” è assurta a discorso sullo stato dell’Unione.

Renzi che nega l’invasione è come quel ministro di Saddam Hussein che, con gli yankee alle porte di Baghdad, continuava a negare l’evidenza.
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Esteri/2003/04_Aprile/12/alsahaf.shtml

La giusta retribuzione per il presunto “fair play” finanziario, e conclamato “unfair play” politico.
http://www.ilgiornale.it/news/mondo/germania-boom-dellultradestra-regionali-schiaffo-merkel-1302885.html

Boia chi LOLLA.

I più contenti che Enrico Mentana non voglia cavalcare il successo della sua felice crasi, “Webete”, saranno probabilmente quelli di Webank.

Sono un cinèfilo dilettante. Ma quand’anche fossi “pro”, eviterei il khomeinismo di bollare un film sgradito come “una merda indifendibile”.

C’è chi separa l’Arte, anche marziale, dalla politica e chi no.
L’Academy, che premia Jackie Chan e non Chuck Norris, fa parte dei “chi no”.

blood-father-poster

WE STILL NEED THIS ACTION HERO.

– mv –

http://www.thereelword.net/blood-father-movie-review-mel-gibson/

Lorenzo Benzi Gibson in un nuovo ruolo da duro? Non vedo l’ora, lui è un attore che per me è addirittura migliorato esteticamente invecchiando. Ora che è un po’ più robusto, con i capelli grigi e le rughe, rende alla grande sia in ruoli da eroe che in quelli da Villain. Machete 2, I mercenari 3, non parliamo di Viaggio in paradiso. Peccato che non abbia avuto neanche un piccolo cameo nell’ultimo Mad Max, glielo dovevano per aver reso possibile quel mito.

Marco Valori Secondo me, con tutto il rispetto per Hardy, dovevano proprio confermare Mel nel ruolo di Max: sospetto che non l’abbiano fatto, più che altro, per l’emarginazione cui l’ha condannato il soviet politically correct di Hollywood.
Spero che con questo “Blood Father”, Gibson si prenda una tale rivincita che tutti i suoi denigratori debbano rimangiarsi la fatwa e masticare amaro fino al Giorno del Giudizio.
MV Peggio ancora (dal mio punto di vista) è che gli abbiano scippato il ruolo di Martin Riggs: vista l’eccellente condizione di Mel, che tu hai ben sottolineato, “Lethal Weapon” poteva e doveva tornare sul grande schermo (anche per un paio di capitoli, pensando al solito Liam Neeson). Io mi sono astenuto – categoricamente – dal guardare perfino il trailer di quella riduzione televisiva, prematura e pretenziosa.
———————————————————————————————————

In attesa di recuperare le mie varie schegge, avverso tale Madre di tutte le Fregnacce Olimpiche, volentieri ne anticipo qui l’attuale conclusione a tarallucci e vino:

http://www.ilgiornale.it/news/sport/titolo-sulle-cicciottelle-rio-reintegrato-direttore-qs-1303826.html
La carràmbata pacificatrice su Rai-3 è il degno epitaffio delle tsunaminchiate forcaiole sul PC-web.

Il direttore del QS è stato reintegrato, dopo la rimozione a furor di posses, ma ‘l modo – del “tutto” – ancor m’offende.

 

ruota dellindignazione_zpsbo4gbcoq
Trattandosi della Ruota, qualcuno gioca in casa.
– mv –

 

http://www.calciomercato.it/news/394918/juventus-dybala-e-il-rosso-in-nazionale-chi-gioca-nel-mio-ruolo-non–tutelato-dagli-arbitri.html
Quando il gioco si fa duro, conviene avere una maglia a strisce.

http://www.perizona.it/gallery/2016/09/04/giulia-salemi-dayane-mello-slip-red-carpet-bollente-venezia_607714/
“LA MOSTRA”, ovvero “SLIPLESS IN SEA… VENICE”.

http://www.liberoquotidiano.it/news/sfoglio/11959404/boschi-varetto-festa-unita-ministra-crusca.html#.V85maMiAjgo.twitter

Ministra-zio, sì…

Quindi immagino che si possa ed anzi si debba dire, oltre a “vice-ministra”, anche “SOTTO-SEGRETARIA” (praticamente “centralinista” come diceva Melanie Griffith in «Nata ieri», e non voglio calcare la mano): gratificante, oh sì, estremamente gratificante per la lotta continua antisessista.
Ad ogni modo, stia serena: fra due o tre mesi, tutto ciò si perderà come lacrime (le nostre) nella pioggia…
Perché voi siete il tipo di replicanti che la data di scadenza ce l’hanno eccóme. (Anche se fate carte false per fissarla il più tardi possibile).
—————————————————————————————-

Ricordate la battuta di Massimo Troisi (nel secondo film, «Scusate il ritardo»), sulla leggendaria predicazione “naturalistica” dell’Assisiate? “Secondo me, per colpa di San Francesco è nata la migrazione degli uccelli”.

No, qui non intendo dire che per colpa del suo illustre omonimo un diverso fenomeno migratorio, nel senso opposto, sia stato incentivato con effetti catastrofici.
Semplicemente, mi aspetto un’altra fuga di massa perché qualcun altro sta rompendo i coglioni, con le sue arringhe ai pennuti.

galline_in_fuga
Marco Valori (aka Marco Val / valorim60)

5ae00fcbcf8d12538aba4c254f5e6728

 

Annunci