Ad ogni azione corrisponde una reazione eguale e contraria.
Quindi, sotto schiaffo dell’attualità, è arrivato il momento di ripubblicare qui le mie indignate – e furibonde – versificazioni in romanesco maccheronico.

————————————————————

Marco Valori ha condiviso un link.

Pe’ ‘n atto de violenza,
da chi se leccò Baffone
e l’Italica Coscienza
mo’ ce svenne a quer Culone,
pòi rimpiagne – ma te penza –
‘a perfidia de l’Albione.

Ma vedranno quanto ‘ntenza
sia ‘n cabbina ‘a reazione.
E poiché ‘sta “ddecadenza”
è a su’ vorta ‘na sanzione,
si de palle nun se’ senza
ecco l’inno che se ‘mpone.

https://www.youtube.com/watch?v=dg3lwsPmw64

Pippo Franco – Sanzionami questo
sanzionami questo pippo franco
————————————————————
 
ER SILVIO BELLICO

Tutti a scòla âmo ‘mparato
chi animò er Risorgimento,
come er grande Silvio Pellico.
Però i’ m’acconcio n’antro fato:
via dar gabbio e vai ar cimento,
ché so’ Silvio pure io ma Bellico.

Stronzi! ‘un l’hanno solo detto:
«’o vedrai, te spiezzo ‘n due,
comincianno dar partito»;
senza er minimo rispetto
verso er mi’ “popolo bue”,
a cui fanno er terzo dito.

De l’infami cor sostegno,
un ber cappio m’hanno stretto.
Ma seconno ogni sondaggio,
se pò véde un chiaro segno
– puro senza poté esse eletto –
che se gonfia er mi’ vantaggio.

Quanto Gàdde ce sta male,
a sapemme ancora ‘n vita?!
De’ padroni er “Lottatore”
mo’ vo’ fa’ l’ultrà legale:
la su’ festa è già finita,
je ce volea ‘n caricatore.

E co’ lui nun mórto bbene
(«Qui c’è rischio che se perda:
quello è ‘ncora vivo e zompa!”)
rimarrà ‘a Pezzopene,
pe’ nun di’ proprio de mmerda,
(men che mai «famme ‘na pompa!»).

Chi ner nome cià Taverna,
e ar “Madama” eppur c’ariva,
me vorebbe pijà a sputi,
ché ar decoro è proprio esterna.
E mo’…’a profumo de saliva?
Seee…: ‘a lasso ‘n fra i su’ bruti.

Ma ‘sto titolo d’onore
me deriva dar cantiere,
dove me so’ fatto er mazzo,
nun da assarti all’estintore:
ero e resto Cavaliere,
pe’ voi Sèlleri der cazzo.

Mo’ più er culo je fo róde,
senza pórge l’artra guancia,
a ‘sta monnezza de la Storia,
più er mi’ còre esurta e gode,
mentre ‘n resta ho già la lancia
e de spron dò pe’ la gloria.

Nun te scrivo “Mie prigioni”:
er mi scarpo nun avrai,
Corvo Rosso che ‘o pretendi.
Mo’ m’hai rotto li cojoni,
copio er Corvo de la RAI
e così io t’arisponno: «Prèndiii…»

Zozza e trucida marmaglia,
auguràtemene ‘n fracco,
da ‘n ber canchero a la lue.
Ma che tenga ‘un c’è Tartaglia:
sarò io a dàvve lo scacco,
‘n culo a voi, ar Baracca e all’Ue.

 
Annunci